Chamaerops humilis: una palma italiana

Anche tra la flora autoctona del nostro bel paese c’è una palma: Chamaerops humilis, meglio conosciuta come “palma nana” per le sue dimensioni ridotte.

Chamaerops humilis, unica specie del suo genere, cresce in tutto il bacino mediterraneo e in Italia è presente sulle coste, soprattutto nel sud. Ne

Chamarops humilis, Dervio (LC).

esistono delle popolazioni, seppur piccole, anche in Liguria.

Il portamento di questa specie è cespuglioso. La pianta presenta più fusti, larghi, a maturità, quindici o venti centimetri e altri fino a due metri (raramente di più).

Le foglie sono a ventaglio, larghe e con un lungo e rigido picciolo dai bordi aculeati.

I fiori sono di colore giallo, portati in infiorescenze a grappolo. La specie è dioica, ma alcuni esemplari risultano essere ermafroditi.

I frutti sono delle drupe tondeggianti, dal diametro variabile tra i dodici millimetri e i quattro centimetri e mezzo circa. Sono di colore verde da acerbi per divenire marroni una volta maturi.

La coltivazione non richiede grandi cure. Sarà sufficiente una posizione soleggiata e un terriccio che non abbia ristagni idrici. Se il terreno è troppo compatto basterà aggiungerci della sabbia.

Come per tutte le palme, anche per il Chamaerops non si pratica una vera potatura, ma solo una pulizia dalle foglie secche e danneggiate e dai resti di fiori e frutti.

Il picciolo aculeato di C. humilis.

Oltre all’uso ornamentale, questa pianta ha un uso alimentare e uno tessile.

I germogli giovani e ancora teneri possono essere consumati e furono usati in sostituzione delle patate in tempi di fame o per fare dolci. I frutti invece, anche se zuccherini, sono troppo fibrosi per l’alimentazione umana.

Dalle foglie si produce anche una fibra tessile usata per la fabbricazione di cordame, scope, spazzole, cesti, cappelli e altri oggetti d’artigianato.

La riproduzione si ottiene da semina o micropropagazione. La crescita lenta della palma nana

Frutti di Chamaerops humilis.

rende però consigliabile l’acquisto di un esemplare già sviluppato.

Chamaerops humilis è molto simile a una palma di cui abbiamo recentemente parlato: Trachycarpus fortunei. Le due si differenziano per il

portamento e sono facilmente distinguibili dal picciolo delle foglie, che in Chamaerops humilis è aculeato, mentre in Trachycarpus fortunei è a bordo liscio. La loro somiglianza ha tratto in inganno a lungo anche i botanici, tanto che fino a poco tempo fa T. fortunei era catalogato nello stesso genere della palma nana col nome di Chamaerops excelsa.

Buona coltivazione!

Enrico Proserpio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *