La Weigelia, un arbusto da riscoprire

Weigelia “Candida”.

Tra le fioriture primaverili non possiamo non trattare quella della Weigelia.

Al genere Weigelia, della famiglia delle Caprifoliaceae, appartengono dodici specie di arbusti, originarie dell’Oriente. Il nome del genere deriva da quello dello scienziato tedesco Christian Ehrenfried Weigel.

Le foglie sono lanceolate, lunghe da cinque a quindici centimetri, color vede chiaro e decidue. Esistono varietà con foglie variegate o bronzee.

I fiori sono tubolari, con cinque lobi, lunghi da due a quattro centimetri, di colore bianco, rosa, rosso o, raramente, giallo.

Il frutto è una capsula che contiene numerosi semi alati.

L’arbusto, a seconda della specie e della varietà, può raggiungere un’altezza variabile tra uno e cinque metri, con un portamento allargato e fusti fitti.

Weigelia florida “Nana Purpurea”.

Vediamone alcune specie e varietà.

Weigelia floridaVariegata” raggiunge i due metri circa. Ha foglie variegate gialle e verdi e fiori rosa pallido. Predilige posizioni in parziale ombra. Fiorisce da maggio e luglio.

Weigelia floridaNana Purpurea” ha dimensioni più piccole della specie originaria (un metro e mezzo circa), foglie tendenti al bruno e fiori porpora.

WeigeliaCandida” è un arbusto a foglia verde, con fiori bianchi, che raggiunge i due metri d’altezza.

Weigela middendorffiana è una specie a fiore giallo, con una macchia interna giallo più scuro o rossastro (a seconda delle cultivar) e foglia verde brillante. Raggiunge il metro e mezzo di altezza.

Weigela middendorffiana.

La coltivazione della Weigelia è semplice e non richiede grandi cure. Se desiderate un buono sviluppo della pianta e buone fioriture sarà opportuno concimarla prima della ripresa vegetativa con del concime organico (stallatico, letame, compost…) o con del concime chimico complesso NPK per piante da fiore (con il tasso di fosforo e potassio più alto del tasso di azoto). Può essere utile aggiungere del concime organico anche in fase di impianto mischiandolo al terreno.

È utile eseguire una potatura di ringiovanimento, eliminando alla base i fusti troppo vecchi, partendo dal centro. Eliminate anche i fusti in eccesso, lasciando quelli più vigorosi. Per avere un bell’arbusto basterà lasciare cinque-sette fusti disposti a raggera.

Oltre alla potatura di ringiovanimento, potete eseguire una potatura di ritorno, accorciando i rami di

Weigelia florida “Variegata”

trenta o quaranta centimetri, tagliando sopra una gemma rivolta verso l’esterno dell’arbusto. Questa potatura non è necessaria, ma utile se si vogliono contenere le dimensioni della pianta. Sarebbe comunque meglio scegliere una posizione dove la pianta abbia tutto lo spazio necessario al suo sviluppo.

La potatura di ringiovanimento si esegue prima della ripresa vegetativa, a gennaio o febbraio. La potatura di ritorno si può eseguire anche in estate, verso giugno o luglio.

La riproduzione avviene da talea, propaggine o margotta. In tutti i casi la radicazione è piuttosto veloce. Si può effettuare anche la semina, ma non si avrà certezza che le piante figlie siano identiche alla madre.

Enrico Proserpio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.